Fondata il 9 novembre 2000 da Rudy Fiori e con sede a Cuneo

CINEMASTORE Italia S.R.L. si era specializzata nel videonoleggio e vendita di film, e videogiochi.
L'azienda offriva l'opportunità a vari investitori di aprire punti vendita in franchising sotto l'insegna CINEMASTORE, posizionandosi come un leader nel franchising di negozi multimediali.
Uno dei punti di forza di CINEMASTORE era la possibilità di noleggiare film e videogiochi attraverso distributori automatici, accessibili 24 ore su 24, sette giorni su sette, garantendo un servizio continuo e flessibile ai suoi clienti.

L'evoluzione del Home Video

L'Ascesa della VHS: La Guerra dei Formati del Video Domestico, Il Triangolo dei Formati: Betamax, VHS e l'episodio del Video 2000

L'alba del Video Home System
La scena degli anni '70 vide l'avvento di una rivoluzione tecnologica destinata a cambiare il panorama dell'intrattenimento domestico. Fu in questo contesto effervescente che nacque il Betamax, lanciato dalla Sony nel 1975. Questo formato, innovativo e tecnicamente avanzato, utilizzava cassette più piccole e offriva una qualità video superiore rispetto ai suoi futuri rivali. Il Betamax si distingueva per l'uso della tecnica di scansione ecoidale azimutale, che riduceva le interferenze aumentando la qualità dell'immagine e permettendo un'avanzamento del nastro più lento e preciso.

La Strategia di Sony e le Sue Ripercussioni
Nonostante la sua superiorità tecnica, il Betamax si scontrò con una politica aziendale che ne limitava la diffusione. Sony, infatti, decise di mantenere un controllo ferreo sulle licenze e sulle tecnologie associate al Betamax, una scelta che si rivelò controproducente. Questa restrizione limitò significativamente la disponibilità di contenuti e di dispositivi compatibili sul mercato, ostacolando così la sua capacità di attrarre un'ampia base di consumatori e produttori.

La Rivoluzione Continua: L'Ingresso del Video 2000
Mentre Betamax e VHS combattevano per la supremazia nel nascente mercato dell'home video, un terzo formato entrò brevemente in scena, promettendo di rivoluzionare ulteriormente il settore. Lanciato nei primi anni '80, il Video 2000 fu un prodotto congiunto di Philips e Grundig, progettato per superare i limiti sia del Betamax che del VHS. Questo formato si distingueva per una caratteristica particolare: la possibilità di registrare su entrambi i lati della videocassetta, raddoppiando potenzialmente la durata di registrazione senza la necessità di estrarre e invertire fisicamente la cassetta.

Caratteristiche e Innovazioni del Video 2000
Il Video 2000 era più piccolo del VHS e offriva una qualità video che cercava di eguagliare quella del Betamax. La capacità iniziale di registrazione di otto ore poteva essere estesa fino a sedici ore, una quantità notevolmente superiore rispetto ai rivali dell'epoca. Questa innovazione sembrava pronta a soddisfare le esigenze di quegli utenti più esigenti, desiderosi di lunghi periodi di registrazione per catturare eventi prolungati o maratone televisive senza interruzioni.

Le Sfide e il Declino del Video 2000
Nonostante le sue promettenti caratteristiche, il Video 2000 si scontrò con numerosi ostacoli. La sua comparsa relativamente tardiva sul mercato fu un handicap significativo; Betamax e VHS avevano già stabilito una presenza solida e crescente, accompagnata da un'ampia disponibilità di film e altri contenuti. Inoltre, la complessità tecnologica del Video 2000 lo rendeva più costoso da produrre e da acquistare, limitando la sua attrattiva in un mercato estremamente sensibile al rapporto qualità-prezzo.
La vera sfida per il Video 2000 non fu tanto la competizione con gli altri formati quanto la sua incapacità di creare un ecosistema robusto di contenuti e supporto hardware. Sebbene la possibilità di registrare su entrambi i lati fosse rivoluzionaria, questa caratteristica da sola non fu sufficiente per convincere i consumatori a deviare dai percorsi già tracciati dal VHS e, in misura minore, dal Betamax.

Conclusione: Il Mercato Sceglie i Vincitori
Il Video 2000 fu ritirato dal mercato nel 1989, lasciando il campo libero alla battaglia tra Betamax e VHS, con quest'ultimo che alla fine emerse come il formato dominante per quasi due decenni. Questo episodio del Video 2000 offre una lezione cruciale nel settore tecnologico: non sempre la superiorità tecnica o le innovazioni sono garanzia di successo commerciale. Il timing di mercato, la facilità di uso, il costo e, soprattutto, l'adozione di massa sono spesso i veri determinanti del successo o del fallimento di un prodotto.
Nella saga dell'home video, il Video 2000 rimane una nota a piè di pagina, un ricordo di come l'innovazione, per quanto avanti nei suoi tempi, possa essere dimenticata senza un adeguato supporto di mercato e una chiara comprensione delle esigenze del consumatore. La storia continua a insegnarci che, nel teatro della tecnologia, i vincitori scrivono la storia, mentre gli innovatori non sempre ricevono il riconoscimento che meriterebbero.

L'ascesa del VHS di JVC
Nel 1976, un anno dopo il debutto del Betamax, la JVC (Victor Company of Japan) lanciò il VHS (Video Home System), dando vita a quello che sarebbe diventato il formato dominante dell'era del video domestico. Le cassette VHS, più grandi di quelle del Betamax, potevano contenere più nastro, permettendo registrazioni più lunghe. Questa caratteristica divenne decisiva: mentre il Betamax limitava i consumatori a registrazioni più brevi, il VHS offriva la possibilità di registrare interi film su un'unica cassetta.
Il VHS venne offerto in tre varianti principali: cassette da 180 minuti con nastro standard, da 240 minuti con nastro sottile e da 300 minuti con nastro super sottile. Questa flessibilità contribuì ulteriormente al suo successo. Ma la vera forza del VHS risiedeva nella strategia di licenza aperta di JVC. A differenza di Sony, JVC concesse la tecnologia VHS a numerosi altri produttori, il che portò a un'esplosione di dispositivi compatibili e a una più rapida adozione del formato da parte del pubblico globale.

Il Declino del Betamax e il Trionfo del VHS
La guerra dei formati raggiunse il suo culmine a metà degli anni '80, quando il VHS consolidò il suo dominio sul mercato. La disponibilità diffusa di lettori e registratori VHS, combinata con la capacità di registrare programmi televisivi e film interi, si rivelò irresistibile per il mercato di massa. Il Betamax, con la sua qualità superiore ma con una scelta limitata e costi più elevati, non riuscì a competere con la convenienza e l'accessibilità del VHS.

Riflessioni Finali
Questa epica battaglia tecnologica non fu solo una lotta tra due formati di cassette, ma simboleggiava una più ampia competizione per il controllo del crescente mercato dell'intrattenimento domestico. La vittoria del VHS dimostrò l'importanza di una strategia aperta e inclusiva nel mondo della tecnologia. Questa lezione rimane pertinente anche nell'era digitale attuale, dove l'accessibilità e la compatibilità continuano a determinare il successo o il fallimento delle tecnologie emergenti. Il VHS, un gigante nel suo tempo, pose le fondamenta per future innovazioni nel campo dell'home video, aprendo la via a DVD, Blu-ray, e infine, allo streaming digitale, ognuno dei quali avrebbe portato nuove sfide e opportunità nel continuo evolversi del modo in cui consumiamo i media.

Dal piccolo e modesto negozio di fotografia al successo di una delle prime videoteche in Italia

L'Origine di un'Ambizione Imprenditoriale

Era il 1983 quando, nel tranquillo angolo di Cuneo nel Piemonte, Rudy e la madre, la signora Tina, aprirono le porte del piccolo negozio di 40 mq chiamato Studio ASA.
Prendendo in mano le redini di un'attività preesistente, trasformarono questo spazio in un ritrovo per appassionati di fotografia e cinema, specializzandosi in pellicole, macchine fotografiche e film in formati Super 8 e 16mm.
 
La Rivoluzione dei Nastri Magnetici
Il successo iniziale nel campo della fotografia fu solo l'inizio. Durante un viaggio a Roma, Rudy si imbatte nei primi nastri magnetici per la visione di film in home video, un incontro fortuito che si rivela decisivo.
Questa scoperta illumina il potenziale rivoluzionario dell'home video, spingendo Rudy a immaginare un futuro in cui le persone possano godersi i film nel comfort delle proprie case.
 
L'Espansione e la Trasformazione
Nel 1988, la visione e l'audacia guidano Rudy a un cambiamento radicale: lo spazio commerciale viene espanso a 120 mq e rinominato "Videoteca". Questo nuovo inizio segna una svolta, trasformando il negozio in un centro culturale per cinefili.
La Videoteca si dedica alla ricerca di un'ampia selezione di film nazionali e internazionali, inclusi capolavori d'autore, documentari e opere storiche.
 
Un Tocco di Cultura POP
In un gesto audace, la Videoteca integra nel suo catalogo migliaia di produzioni hard-core. Questa mossa non solo allarga il pubblico ma rivoluziona l'accesso a un genere precedentemente confinato a cinema specializzati. Il cambiamento trasforma radicalmente il modo in cui questi film vengono consumati, introducendo una nuova forma di discrezione e accessibilità.
 
Verso il Franchising e l'Innovazione Digitale
Gli anni '90 segnano una crescita continua per la Videoteca, che ora conta oltre quindicimila videocassette VHS. L'espansione si arricchisce con l'apertura di LA PALMAVIDEO a Torino, un'attività di distribuzione all'ingrosso che rafforza la presenza di Rudy nel settore dell'Home Video.
L'introduzione del DVD nel 1995 porta con sé un miglioramento significativo della qualità e della durata del video, gettando le basi per il futuro franchising di Cinemastore.
 
Conclusione: Una Nuova Era del Cinema Domestico
La storia di Cinemastore, evolvendosi da un umile negozio di fotografia a un punto di riferimento nell'industria del video domestico, è un testimone eloquente dell'innovazione guidata dalla passione.
Questo racconto va oltre la narrazione di successi commerciali e tecnologici, toccando le dinamiche umane e culturali scatenate da questi cambiamenti, riflettendo l'evoluzione sociale attraverso il cinema domestico. 
Mentre il panorama tecnologico continua a evolversi, il legato di Cinemastore persiste, simbolo dell'impatto duraturo di una visione e dedizione che hanno saputo connettere le persone attraverso il potere del cinema.

 

Dalla fondazione di una delle prime videoteche in Italia all'espansione del progetto in franchising CINEMASTORE: Una storia di ambizione e innovazione

Il 1998: L'Anno della Svolta
Il 1998 rappresentò un anno di svolta per il piccolo negozio di Cuneo, trasformato da semplice videoteca nel primo vero punto vendita CINEMASTORE.
Con un arredamento completamente rinnovato e l'aggiunta di quattro distributori automatici, il negozio si affermò come un cruciale punto di riferimento per tutti gli appassionati di cinema.
L'inaugurazione avvenne nell'ottobre del 1998 e fu celebrata con grande entusiasmo, sostenuta da una campagna pubblicitaria senza precedenti.
Per celebrare l'evento, a tutti i clienti che ricaricavano la card con centomila lire, veniva regalata una copia del premiatissimo film "Titanic", che quel giorno debuttava nel mercato home video.
 
Espansione e Innovazione del Brand
L'eco del successo di quell'inaugurazione ispirò l'idea di replicare il format in altre città.
La revisione del brand e del layout per i nuovi e futuri punti vendita fu affidata a un'agenzia pubblicitaria di Vicenza e con la collaborazione di due imprenditori Vicentini.
L'arredamento e l'esposizione dei prodotti furono completamente rivisitati, creando un ambiente accattivante che evocava la famosa insegna di "Hollywood" a Los Angeles, simbolo del cinema americano.
Questo rinnovamento portò a risultati straordinari: già nell'anno successivo, quattro nuovi punti vendita furono aperti nella provincia di Cuneo.
 
L'Espansione Nazionale e Internazionale
Forti dei successi iniziali, Cinemastore iniziò un'ambiziosa espansione su scala nazionale, sperimentando prima il format nei punti pilota del Piemonte. Il salto di qualità fu garantito dall'introduzione di software di gestione all'avanguardia che, grazie a Internet, permise agli affiliati di connettersi con un vasto numero di potenziali clienti.
I centri Cinemastore, configurati come negozi multimediali (VHS, DVD, CD, ecc.), offrivano servizi di noleggio e vendita film disponibili 24 ore su 24.
Il supporto continuo, in termini di formazione e consulenza, assicurò una rapida espansione, con oltre cento punti vendita aperti in Italia e filiali in Spagna, Irlanda e Regno Unito entro i dieci anni successivi.
 
La Crisi e la Risposta Innovativa
Verso il 2010, tuttavia, l'azienda iniziò a risentire di una grave crisi finanziaria dovuta principalmente alla diffusione della distribuzione elettronica tramite Internet. La pirateria digitale, una piaga non adeguatamente contrastata, minava gravemente le finanze dell'azienda. In risposta, Cinemastore fondò MOVIE ON DEMAND SRL, un tentativo di reinventare il modello di business attraverso servizi di video on demand che integravano la tradizionale esperienza di videonoleggio.
 
Il Declino Inevitabile e Riflessioni Finali
Nonostante gli sforzi innovativi, il modello di business tradizionale di Cinemastore non resistette alle pressioni esterne e al cambiamento delle abitudini dei consumatori, portando l'azienda a un inevitabile declino.
Questa situazione rifletteva il destino di molte imprese simili in tutto il mondo, compresa la famosa catena Blockbuster negli Stati Uniti.
La storia di Cinemastore, dall'umile inizio alla vasta espansione e al successivo declino, offre lezioni preziose sull'importanza dell'adattabilità e dell'innovazione in un mondo in rapido cambiamento.

In definitiva, la storia di Cinemastore rimane un potente promemoria del dinamismo del mercato e della necessità di anticipare e adattarsi alle mutevoli esigenze del pubblico e della tecnologia, una storia che continua a insegnare e ispirare imprenditori e creativi nel campo dell'intrattenimento

Cit
Riflettendo su questo sintetico racconto, Rudy Fiori conclude:
"Il fallimento è un maestro severo, ma spesso prepara il terreno affinché i più resilienti possano rinascere più forti e saggi di prima."

.








Rudy Fiori 

CEO & President Cinemastore Italia Srl dal 2000 al 2013

I PUNTI VENDITA